Bain utilizza i cookie per migliorare la funzionalità e le prestazioni di questo sito. Ulteriori informazioni in merito si trovano nella nostra Informativa sulla Privacy. Continuando a navigare su questo sito, acconsenti all'uso dei cookie.

Press release

La rivoluzione dell’e-mobility

La rivoluzione dell’e-mobility

Bain & Company partecipa al primo evento di MOTUS-E: evoluzione della mobilità elettrica e impatti sulla filiera industriale italiana

  • aprile 10, 2019
  • Tempo di lettura min.

Press release

La rivoluzione dell’e-mobility

Quali sono l’evoluzione della mobilità elettrica e gli impatti sulla filiera industriale italiana? Ne parlerà Alessandro Cadei, partner di Bain & Company e responsabile EMEA del settore Energy & Utility, il prossimo 11 aprile 2019 in occasione del primo evento dedicato alla “Mobilità Elettrica. Acceleriamo” da MOTUS E, nello spazio WeGil a Roma: un momento di incontro tra i principali attori del mondo della mobilità elettrica al fine di condividere esperienze e obiettivi.

«La crescita dei veicoli elettrici sarà caratterizzata da due step: una prima fase sostenuta early adopter e da obiettivi governativi, che porterà la quota di veicoli elettrici al 12% delle vendite entro il 2022-25» afferma Cadei «seguirà una seconda fase guidata direttamente dai clienti e dalla moda “tecnologica” che permetterà di raggiungere il 50% delle vendite di veicoli al 2040».

Come tutte le disruption, anche lo sviluppo della e-mobility sta avendo una profonda accelerazione, sostenuta dallo sviluppo delle infrastrutture e dallo sviluppo dell’offerta da parte delle case automobilistiche. In Italia si sta sviluppando una importante rete di 10 mila colonnine per il rifornimento elettrico, è attivo un meccanismo premiante in funzione delle emissioni delle auto e il cliente dimostra una sempre maggiore attitudine green.

Si impone quindi per il sistema Paese un urgente ripensamento della filiera industriale che oggi occupa circa 500.000 persone: la produzione di 1 milione di veicoli richiede l’impiego di 40 mila addetti “per veicoli a scoppio” a fronte di 18 mila “per veicoli elettrici”.

Questo scenario apre nuove opportunità (nuovi servizi, tecnologie, figure professionali…) ma presenta anche rischi, che devono essere indirizzati da una politica industriale di sistema.

Alessandro Cadei è partner di Bain & Company, responsabile EMEA del settore Energy & Utility e membro della practice global Energia e Risorse Naturali. Ha oltre 20 anni di esperienza nella consulenza strategica e ha lavorato con clienti in diversi mercati in Europa, Middle East, Nord e Sud America. Ha guidato più di 200 progetti nel settore energetico, in particolare in ambito elettrico, gas e carbone, occupandosi di tutta la catena del valore. Prima di entrare in Bain nel 1999, ha lavorato sempre in ambito consulenziale per primarie aziende a New York, Londra e Singapore. Dopo la laurea all’Università Bocconi, ha conseguito un MBA all’INSEAD.

Motus-E è la prima associazione italiana costituita su impulso dei principali operatori industriali, del mondo accademico e dell’associazionismo ambientale e d’opinione per favorire la transizione verso la mobilità elettrica.

A proposito di Bain & Company

Bain & Company è l’azienda di consulenza a cui i business leader globali si rivolgono quando vogliono  ottenere  risultati.  Bain  fornisce  consulenza  ai  clienti  su  private  equity,  fusioni  e acquisizioni, operation, beni di largo consumo e retail, marketing, digital transformation e strategia, IT e advanced analytics, sviluppando informazioni e dati sulle quali i clienti possono fare  affidamento  e  trasferendo  competenze  che  permettono  di  radicare  il  cambiamento. Fondata nel 1973, Bain ha 58 uffici in 37 paesi e in Italia celebra quest’anno il trentrennale. Lasua  approfondita  competenza  e  il  suo  portafoglio  di  clienti  si  estendono  a  ogni  settore industriale ed economico e in Italia la rendono leader di mercato. Per maggiori informazioni: www.bain.it. Seguiteci su Twitter @Bain_Italia @BainAlerts.